Storia di un impiegato, impegnato

Senza categoria

“allora, allora…mmmm.. vediamo un po’, che dovevo fare oggi? ah sì:
oggi dovevo trovare un modo per conciliare la difesa dei miei desideri, delle mie ambizioni, della mia proprietà privata e della mia famiglia-villaggio (prolungamento di me medesimo) con l’antifascismo… mmmm… come si fa? come si fa?… mmmmmm… come si fa?… mmmm… oh no, oh no, dio mio, è impossibile! è impossibile!….. O gli uni o l’altro! a qualcuno devo rinunciare… farli coesistere è impossibile, è impossibile!
mmmmm che scelgo, che scelgo?!.. mmmmm che scelgo?!…. bo bo bo bo bo bo bo bo bo bo bo… patatrac… morite tutti! morite tutti negri! ‘morite tutti! chi ve se ‘ncula! chi ve se ‘ncula! porco diooo, non me ne frega un cazzooo! aaaaaaahh”

Ancora mi meraviglio di come la Weltanschauung borghese, non appena tiri ‘na certa arietta, ricada, seppur dopo un sincero indugiare, nel solito bacino di attrazione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s